Tennis per ciechi, primo torneo Italiano a Bologna dal 23 al 25

Redazione
Bologna BO, Italia
23 nov 2018, 19:15

Arriva dall’UICI di Piacenza (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti) – che segnala anche la partecipazione alla manifestazione di due propri Soci – la notizia del primo Torneo Italiano di Tennis per Ciechi, in programma a Bologna da venerdì 23 novembre a domenica 25 nella sede dell’Associazione Sportiva. (foto tratta da superando.it)

ORIGINI Noto a livello internazionale come Blind Tennis, il Tennis per Ciechi è uno sport relativamente nuovo. Nacque in Giappone per opera di Miyoshi Takei, un giovane non vedente che desiderava giocare a tennis, ma che a causa dei suoi limiti fisici dovette riadattarlo alla portata delle persone con disabilità visiva.
La prima sfida fu quella di riadattare la pallina da tennis, munendola di un suono in modo da poterla localizzare senza l’uso della vista. Anche il rimbalzo e la traiettoria erano due aspetti importanti e, dopo diversi tentativi e vari materiali testati, Takei decise di creare una pallina di spugna più grande di una pallina da tennis regolamentare, con al proprio interno una pallina da ping-pong munita di sonagli. Il suono creato dal rimbalzo e dall’impatto sulla racchetta diede l’opportunità di individuarla facilmente nello spazio e le grandi dimensioni della pallina stessa permisero anche alle persone ipovedenti di approcciarsi a questa nuova disciplina.

IN ITALIA il Blind Tennis è arrivato grazie al prezioso lavoro del maestro di tennis Eduardo Silva, friulano d’adozione, che nel 2014 ha promosso il progetto denominato Tennis per Ciechi Italia, diventando inoltre referente italiano dell’IBTA, International Blind Tennis Association. Dopo anni di duro lavoro di informazione e diffusione, si è ora finalmente giunti al primo Torneo Italiano di Tennis per Ciechi, che nei prossimi giorni vedrà persone non vedenti e ipovedenti di ambo i generi sfidarsi per il primo titolo italiano ufficialmente riconosciuto.