Redazione
09 nov 2017, 20:06

Sarri: un altro oro al Mondiale della scherma

L'inno di Mameli torna a risuonare all'Hilton Rome Airport Hotel di Roma Fiumicino. La terza giornata di gara ai
Campionati del Mondo di scherma paralimpica Roma2017 regala l'emozione più grande per Alessio Sarri. L'azzurro, romano e
romanista, si laurea Campione del Mondo di sciabola maschile categoria B coronando il sogno che nei giorni scorsi aveva
confessato. «Vincere qui sarebbe bellissimo». E così è stato. La stoccata del 15-12 con cui ha concluso la finale contro il russo
Albert Kamalov arriva nel tripudio del pubblico di casa, con moglie, fratello ed amici in primissima fila. L'urlo di vittoria e
la festa azzurra, con tutta la delegazione italiana che si unisce attorno ad uno degli atleti leader del gruppo. Alessio Sarri mette
cosi in bacheca la medaglia d'oro nella sciabola, quattro anni dopo quella conquistata a Budapest2013, ed assieme a quella
d'argento vinta ieri nella spada maschile. Lo sciabolatore azzurro, dopo la fase a gironi ha superato dapprima il polacco
Zbigniew Wyganowski per 15-2 e poi ai quarti l'altro portacolori della Polonia, Grzegorz Pluta col punteggio di 15-7. In semifinale
Alessio Sarri ha poi eliminato il russo Alexander Kurzin per 15-10, respingendo il tentativo di rimonta dell'avversario. La
giornata che regala l'emozione d'oro ad Alessio Sarri ed alla delegazione italiana, era iniziata al mattino con la visita a
sorpresa del Ministro per lo Sport, Luca Lotti, il quale aveva voluto congratularsi con Bebe Vio, Alessio Sarri e Matteo Betti
per le «emozioni azzurre regalate all'Italia nelle prime due giornate di gara».
«Alessio Sarri continua a emozionarci conquistando un'altra grandiosa medaglia. Dopo l'argento nella spada, infatti, Sarri ottiene un oro straordinario nella sciabola. Un bottino incredibile per questo atleta esemplare, con gia' alle spalle una carriera straordinaria. Un campione nello sport e nella vita che oggi si conferma ai massimi livelli. Un'altra giornata positiva, dunque, per gli azzurri della scherma paralimpica che in questo mondiale di Roma stanno tenendo in alto il nome del nostro Paese. Colgo l'occasione per rinnovare i complimenti anche alla Federscherma e a tutto il gruppo azzurro». Lo dice in una nota Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paralimpico.