LA FITET SARDEGNA INCONTRA UNA DELEGAZIONE BIELORUSSA E SI PARLA DI PARALIMPISMO

TENNISTAVOLOLTRE SARDEGNA
Cagliari CA, Italia
30 ago 2019, 12:33

Una visita lampo ma ricca di significati. Dalla regione di Minsk, la più importante della Bielorussia, è giunta una delegazione che ha visitato gli uffici della Fitet Sardegna accompagnata dal presidente Simone Carrucciu in qualità anche di vice presidente del Comitato Italiano Paralimpico isolano.

Si sono trovati da quelle parti perché in missione assieme ai vertici del CIP con l’intento di conoscere i dettagli dell’attività con gli atleti disabili e avere dei riscontri dalle più importanti realtà societarie che operano nel mondo paralimpico.

La delegazione bielorussa era composta da Yaraslau Papovich, Svetlana Golovataia, Traukina Katsiaryna, Yadchanka Katsiaryna e dal console onorario bielorusso in Sardegna Giuseppe Carboni. Hanno così potuto assimilare nozioni approfondite su come si sta radicando nel territorio il tennistavolo paralimpico. Doverosa anche una tappa presso gli impianti del Tennistavolo Norbello (in compagnia anche della presidente Cip Sardegna Cristina Sanna e del vice presidente vicario Paolo Poddighe), la prima società sarda che ha intrapreso l’attività con i disabili e che è stata emulata successivamente da diverse realtà in espansione.

“Assieme ai carissimi ospiti bielorussi abbiamo trascorso delle piacevoli giornate dove le tematiche paralimpiche erano doverosamente preponderanti – ha detto Carrucciu – e li ringrazio per l’attenzione mostrata e l’interesse verso la nostra realtà pongistica. Siamo rimasti d’accordo che in futuro si potrebbero attivare degli interscambi sportivi con la loro nazione, perché è risaputo che il confronto oltre confini può solo portare importanti benefici. E da presidente questo l’ho già appurato in prima persona perché in Sardegna abbiamo avuto il piacere di vedere in azione dei loro connazionali”.