Conferenza stampa del 20/03/2018 - Progetto Io OSO! Oltre la vela

Disabilità e pratica dello sport sono da tempo oggetto da un lato di riflessioni e valutazioni; dall’altro di progettualità e iniziative, alcune più tradizionali, altre decisamente innovative. In quest’ultimo ambito rientra senza alcun dubbio il progetto “Io OSO! Oltre la vela” presentato in una conferenza stampa che si è tenuta ieri Martedì 20 Marzo presso la prestigiosa sede della Lega Navale di Ancona.

Il progetto elaborato dalla Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti (UICI) delle Marche mira a diffondere la pratica della vela tra i ragazzi con disabilità visive al fine di promuoverne l’autonomia, l’autostima e la crescita individuale. Non solo. Il progetto ha infatti anche l’obiettivo di contribuire a sfatare quel mito – davvero duro a morire – che interpreta alcune forme di disabilità, come quella visiva, come un ostacolo insormontabile alla pratica sia ludico che agonistica di alcune particolari forme di attività sportiva.  

“Occorre far emergere le abilità di ogni singolo individuo e non le problematiche legate alla disabilità fisica” ha spiegato Tarcisio Pacetti, delegato provinciale di Ancona del Comitato Italiano Paralimpico, nel suo intervento di apertura. E che questa finalità faccia da cornice ad una progettualità curata nei minimi dettagli, lo ha chiaramente ribadito Alina Pulcini – Presidente  di UICI Marche –  che, con grande caparbietà, è riuscita a mettere insieme un partenariato di eccezione. “Siamo convinti del carattere estremamente innovativo del progetto nonché della nostra capacità di portarlo a termine – ha spiegato la Pulcini – ed è per questo che abbiamo deciso di partecipare al prestigioso Bando di Concorso “OSO. Ogni sport oltre” della Fondazione Vodafone.” “L’eventuale ottenimento dei fondi – ha proseguito la Pulcini – ci consentirebbe non solo di attivare, come è già nelle nostre intenzioni, dei corsi di barca a vela per ragazzi con disabilità visive, ma anche di formare, tecnici e istruttori velisti adeguati al compito”. “La commissione della Fondazione – ha concluso la Pulcini – valuterà proprio in questi giorni la nostra proposta e per questo che chiediamo a tutti di aiutarci a diffondere le nostre idee e a supportare il nostro progetto iscrivendosi al portale https://ognisportoltre.it/home.action e condividendo i contenuti che stiamo pubblicando”.

Presenti all’evento anche i partner del progetto, il Presidente di Lega Navale Nicola Basti, il delegato UICI Nazionale Adoriano Corradetti, il Direttore marketing di Record Data Stefano Supino ed il Consigliere Delegato UICI Marche e campione paralimpico Andrea Cionna, testimonial d’eccezione assieme al giovane velista Mario Frapiccini.

“Mi piacerebbe che non venisse utilizzato il termine “normodotati” – spiega Cionna – ma si parlasse, piuttosto, di singolarità dell’individuo, poiché siamo tutti diversi, con le nostre caratteristiche, e la disabilità è qualcosa che appartiene ad alcuni individui e ad altri no, ma che non deve creare distanze”.

“L’equa possibilità di praticare sport – ha sostenuto poi Stefano Supino – dovrebbe rientrare nel nostro concetto di uguaglianza di opportunità.  È fondamentale, quindi, elaborare e diffondere buone pratiche come quella insita nella progettualità dell’UICI”.

Durante l’evento anche la Presidente Lions Club Ancona, Rosella Pugnaloni, ha espresso la propria vicinanza al progetto, proponendosi attivamente per la diffusione e la conoscenza dello stesso.