Redazione
01 mar 2018, 22:08

Boccia in crescita alla Sa.Spo.: Martis allo stage azzurro

Sono già quattro anni, a Cagliari, che la società Sardegna Sport - Sa. Spo. - si cimenta con la boccia paralimpica passata il 22 novembre dalla Fispes alla Fib. Il tecnico responsabile Maria Antonietta Tuveri non si è risparmiata per propagandare questo sport per persone cerebrolese e con malattie neurologiche degenerative. I primi frutti di questo lavoro sono la convocazione, da parte del tecnico della Nazionale Italiana Liliana Pucci, di Cristian Martis (categoria BC1 riservata a giocatori che hanno bisogno di lanciare con l’ausilio di un assistente), ad uno stage di due giorni a Padova.

Per il 40enne laureato in ingegneria è stata un’esperienza molto positiva che lo ha messo in contatto con i sei giocatori italiani più forti in circolazione: Ciro Montanino, Mauro Perrone (Superabily Milano), Claudia Targa, Elia Vettore (Orange Bowl Padova), Diego Gilli (Sportento Torino).  Il team Italia è all’inizio di un percorso di crescita che mira a formare delle squadre competitive in proiezione Tokio 2020. “Sono molto felice che a livello nazionale ci stiano notando - rileva Maria Antonietta Tuveri - per valutare crescita e potenzialità dei nostri atleti in vista di future esperienze internazionali”.

 

VERSO GLI WORLD OPEN La due giorni è servita a Pucci e ai due tecnici federali di supporto - Tuveri e Loreno Targa - per individuare due atleti che voleranno a Montreal per gli individuali del Boccia World Open dal 24 al 29 aprile. Nella BC1 la scelta è caduta su Melone: “Un atleta che sicuramente ha un bagaglio d’esperienza di gran lunga superiore rispetto a Cristian – rimarca l’allenatrice della Sa.Spo. – ma il nostro tesserato ha incominciato ad allenarsi lo scorso mese di giugno e se è stato preso in considerazione dai selezionatori potrebbe avere un grande avvenire davanti; le potenzialità per progredire ci sono”. Nella BC2 (gestione in solitaria della gara) lo staff ha deciso di convocare Montanino.

 

SA.SPO. Alla Sa.Spo gli allenamenti sono il martedì e il giovedì nella palestra CONI B di via Pessagno. Oltre a Cristian si stanno allenando indefessamente Sara Cara (BC2), Paolo Puddu, Francesco Frau (BC3, categoria dove è indispensabile una rampa su cui far scivolare la boccia e un puntatore che può essere inserito su un caschetto o su un braccio); Daniele Massidda (BC5, si gioca autonomamente). Francesco ha già un titolo italiano BC3 di cui andare fiero e una convocazione in nazionale in occasione della competizione internazionale svoltasi a Povoa (Portogallo). Anche Puddu è già stato visionato dallo staff della rappresentativa italiana. “Siamo riusciti a coinvolgere tanta gente per far crescere la disciplina – conclude Maria Antonietta Tuveri – ed ora aspettiamo le date dei campionati italiani individuali che ci potranno dare delle conferme sul nostro stato di salute”.