Allenamenti gratis al Centro di Preparazione Paralimpica

27 mag 2020, 10:58

I migliori impianti sportivi messi a disposizione degli atleti paralimpici gratuitamente. Lo ha deciso la Giunta del Comitato Italiano Paralimpico, nell'ambito di una serie di nuove misure per sostenere l’associazionismo sportivo di base in questa fase di emergenza economica e sanitaria.

La delibera "consente a tutte le Entità Sportive riconosciute dal CIP che svolgono arttività sportiva rivolta esclusivamente ad atleti disabili e che ne avranno diritto, di usufruire del Centro di Preparazione Paralimpica, nei giorni e orari e con le modalità che verranno concordate con la Direzione dell'impianto secondo la disponibilità degli spazi, a titolo completamente gratuito per la stagione sportiva 2020/2021, fatti salvi gli obblighi contrattuali in materia di assicurazione e sicurezza".

Il “Centro di Preparazione Paralimpica” di via delle Tre Fontane a Roma è stato il primo progetto polifunzionale sul territorio nazionale dedicato specificatamente alla pratica e alla promozione delle discipline sportive per la popolazione con disabilità fisica intellettivo-relazionale e sensoriale.

La struttura, realizzata su un’area di 7 ettari, di proprietà in parte di Roma Capitale e in parte di Eur S.p.A, è stata attrezzata per favorire l’attività sportiva, amatoriale e agonistica, delle persone disabili e non. Nel Centro è possibile praticare diverse discipline sportive fra cui tennis, torball, goalball, calcio e calcio a cinque, nuoto, scherma, atletica, tennis tavolo, danza moderna.

La Giunta del Comitato Italiano Paralimpico ha anche precisato che la "gratuità sarà garantita anche, per la restante parte della stagione sportiva in corso, a tutte le Entità Sportive che già usufruivano dell’impianto sportivo prima della pandemia da COVID-19.  A queste ultime sarà consentito, inoltre – previa domanda da presentare entro il 30 giugno 2020 - di utilizzare gratuitamente il Centro di Preparazione Paralimpica anche per la stagione 2020/2021 senza dover ricorrere alla manifestazione d’interesse, "potendo considerare, pertanto, la loro richiesta di utilizzo già accolta".

“Abbiamo deciso di mettere in campo ulteriori interventi per sostenere quelle entità sportive che in questa fase di emergenza stanno pagando un prezzo altissimo" spiega Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico. "Stiamo parlando del cuore pulsante del nostro movimento, ossia di tutti coloro che quotidianamente e nel concreto si occupano di garantire l’attività sportiva per tante persone con disabilità, spesso bisognose di assistenza. Si tratta di contributo per noi molto significativo. Vogliamo trasformare il nostro Centro di Preparazione Paralimpica in un piccolo campo base per la ripartenza del Paese nel segno dello sport e della socialità”.