Alex Zanardi torna all'oro e annuncia una importante novità

09 ago 2019, 15:17

Quanto è azzurro il paraciclismo. A Baie Comeau in Quebec (Canada) per la terza ed ultima prova di Coppa del Mondo di Ciclismo Paralimpico gli azzurri hanno già conquistato 3 medaglie d’oro, due d’argento e una di bronzo salendo per ben sei volte sul podio. Ritorno all'oro anche Alex Zanardi che in questi giorni, con il suo progetto Obiettivo3, ha annunciato una iniziativa che colora ancor di più di azzurro il mondo dell'handbike: dall'Italia nascerà infatti la bicicletta del futuro. 

Zanardi ha parlato di una "rivoluzione nel mondo paraciclistico". Il campione bolognese ha infatti avviato una partnership con Dallara, casa automobilistica che ha lavorato anche in Formula 1, con cui realizzerà un innovativo modello di handbike.

 Il campione paralimpico è al lavoro, al fianco della casa emiliana, per lanciare sul mercato nei prossimi mesi questo nuovo mezzo destinato alle categorie “Recumbent”, ovvero dalla H1 alla H4.

In attesa di scoprire nuovi dettagli sulla hand bike del futuro in Canada gli azzurri stanno dominando in più categorie. 

Le crono sono state disputate su un percorso molto tecnico reso ancor più impegnativo da una pioggia incessante. Ha iniziato benissimo Fabrizio Cornegliani vincendo la MH1 con quasi 10 secondi di vantaggio sul belga Hordies mentre tutti gli altri concorrenti arrivavano con distacchi pesanti (terzo lo svizzero Fruh a 3’16”). Francesca Porcellato ha dominato la WH3 infliggendo oltre due minuti alla ceca Antosova e 5’40” alla coreana Wang.

Ottima anche la prova di Alex Zanardi (MH5) che con grinta ha strappato l’oro al cinese Liu per soli 68 centesimi. Terzo il transalpino Verganud a sei secondi.

Luca Mazzone (MH2) è andato vicino alla sua ennesima vittoria in coppa, piegato per soli 12 secondi dal fuoriclasse statunitense Groulx, con lo spagnolo Garrote Munoz terzo e non lontano dai due con 36 secondi dal primo. Ana Maria Vitelaru (WH5) è stata costretta al secondo gradino del podio dall’ottima prestazione dell’ americana Masters che l’ha preceduta con uno scarto un minuto e cinquanta centesimi. Bronzo alla cinese Sun.

Infine Giorgio Farroni ha portato a casa un bronzo nel triciclo (MT1) cedendo al tedesco Jager e all’iberico Garcia Abella. Sesto posto per Paolo Cecchetto nella MH3 vinta dal tedesco Merklein. Oggi altre crono con i ciclisti ed i tandem.