A Marina di Massa medaglie e lacrime inaspettate

08 apr 2019, 15:46

L’hanno fatto quasi piangere. Ma di gioia. È stato un weekend dalla fortissima carica emotiva quello appena andato in scena a Marina di Massa. Gli atleti di Obiettivo3 si sono disimpegnati molto bene nella prima gara internazionale della stagione paraciclistica, la “Due giorni del mare”, per la soddisfazione di Alex Zanardi. Ma non solo. Gli stessi atleti sono stati protagonisti di una graditissima sorpresa nei confronti del fondatore di Obiettivo3, nel corso della serata di presentazione del progetto. Il weekend è infatti scattato venerdì, quando O3 è stato presentato in una serata evento all’auditorium dell’istituto comprensivo “Don Milani” di Marina di Massa. Alla presenza del sindaco di Massa Francesco Persiani, del questore Giuseppe Ferrari, dello staff di CicloAbilia e Anmil Sport Italia che hanno organizzato la manifestazione paraciclistica, e di tutti i protagonisti di Obiettivo3, la serata è stata un susseguirsi di emozioni. Sul palco hanno sfilato anche i coach e alcuni tra i più importanti sponsor di Obiettivo3 (da Fondazione Vodafone ad Allianz Partners, passando per Celilar®, Rio Mare ed Enervit), prima che la scena fosse presa ovviamente dall’acclamatissimo Zanardi. Ciò che tuttavia non si aspettava il campione paralimpico, è stato un video che i suoi atleti hanno preparato per ringraziarlo di quanto ha fatto (e sta facendo) per loro. Un video proiettato in sala e che ha commosso Zanardi, al punto che l’ha voluto condividere, con una dedica, sulla propria pagina facebook.

La gara. Sabato e domenica, finalmente, si è corso, e per i 27 atleti di Obiettivo3 in gara sono arrivate buone risposte. Soprattutto in campo femminile. La categoria H5 è stata dominata da Ana Vitelaru, Katia Aere e Lorena Ziccardi, prima, seconda e terza sia in linea che a cronometro. Due secondi posti per Veronica Forsi (H1) e due terzi per Giulia Ruffato (H4). Ottime risposte anche dal ciclismo, con due medaglie d’oro a testa per Lucia Nobis (C3) e Annalisa Baraldo (C4). In campo maschile da sottolineare le due vittorie, a cronometro e in linea, di Fabrizio Cornegliani (H1). Doppietta anche per Alex Zanardi nell’H5. Attivo per i tre giorni anche lo stand in Piazza Ronchi, che ha accolto alcuni ragazzi che hanno avanzato la loro candidatura per far parte di O3. Adesso tutte le attenzioni si sposteranno sul prossimo grande appuntamento della stagione, i mondiali di paraciclismo in programma dal 10 al 12 maggio a Corridonia.

Cos’è Obiettivo3. Obiettivo 3 è un progetto che mira a reclutare, avviare e sostenere concretamente ed economicamente persone disabili che vogliono iniziare ad intraprendere un’attività sportiva. Come dice il nome stesso del progetto, l’obiettivo finale, o meglio la sua ambizione, è quella di andare oltre l’avviamento allo sport di quante più persone possibile, per individuarne almeno tre capaci di crescere fino a centrare la qualificazione ai prossimi Giochi Paralimpici di Tokyo 2020. I Giochi rappresentano una vetrina unica al mondo, un’occasione importantissima per dimostrare che la disabilità è una caratteristica e non un limite. Nei suoi primi 20 mesi di attività Obiettivo3 ha reclutato più di 40 di atleti, che hanno già partecipato a decine di manifestazioni nazionali e internazionali, raggiungendo risultati notevoli: dalle medaglie ai mondiali di ciclismo e agli europei di atletica, alla vittoria dei campionati italiani, passando per alcuni record centrati nell’atletica leggera. Tutto questo è reso possibile grazie ad aziende e persone che hanno sposato la causa del progetto, in primis Fondazione Vodafone Italia, main partner dell’iniziativa. Quindi gli sponsor: Allianz Partners, Bmw Italia, Castelli Sportful, Cetilar®, Consorzio per la tutela del formaggio Grana Padano, Enervit, Garmin e Kask, Rio Mare. Tra i sostenitori principali la piattaforma Rete del Dono, Venice Marathon e Brunello Bike - Ciacci Piccolomini d’Aragona.